DJ
Condividi su Facebook

DASH BERLIN


Nazione:
Genere:
Dash Berlino, è nato come Jeff X. Sutorius, nel novembre del 1979, a L’Aia, Paesi Bassi. Una famiglia con ampi gusti musicali circondato lui e la causa del suo defunto padre, che era un batterista distinto in una jazz band, Dash entrò in contatto con i segni tipici della musica ritmica in età molto giovane. Mentre era ancora al liceo, è diventato un appassionato di musica elettronica, regolarmente godendo nastri mix che la sorella maggiore ha portato a casa dai club ha lavorato come ballerina professionista.
Dash Berlin è un vero deejay di cuore con una profonda passione per la cultura globale della dance music. Egli è spesso descritto come un nuovo arrivato tonificante e carismatico, con la capacità unica di lasciare un’impressione duratura al suo pubblico ben oltre la notte finita.
Dash è uno di quei rari individui che sembrano temere le leggi non scritte della discoteca per natura. Tiene la sua continua espansione, notturno allarme, in seguito, estatico e il desiderio di più, con notevole precisione e abilità.
Si potrebbe facilmente lo scambiano per un deejay superstar, ma la verità resta che Dash Berlin è vedere il mondo attraverso gli occhi come il suo pubblico. “È praticamente impossibile fare progressi senza il costante sostegno del popolo”, ha detto, umilmente.
Nella tarda adolescenza, Dash Berlin ha iniziato a lavorare in un negozio di dischi ed è diventato un collezionista di vinile dedicato con una fascinazione per melodica, la musica house sintetizzata, in seguito noto come “Trance”.
Ispirato da figure pionieristiche come, Sven Väth, Oliver Lieb e Sander Kleinenberg, ha lentamente ma inesorabilmente iniziato a sviluppare un proprio stile innovativo di miscelazione e produzione. La sua etica del lavoro nascosto, non sembrava essere una produzione più, ma piuttosto di meno e in modo diverso. E ‘questa visione che pone ancora lui a parte in una scena affollato e altamente competitivo.Spinto dalla sua passione, egli letteralmente eseguito ovunque, da concerti di nove ore in centri commerciali al famigerato party illegali magazzino olandese. Durante il suo set sulla famosa Love Parade, Dash ha deciso di inserire la parola “Berlino” dietro il suo nome artista. “E ‘una dedica a quella metropoli e il suo coinvolgente, paesaggio urbano,” disse, “Dove ho visto più di un milione di persone che ballano per le strade, nelle nello spirito di una continua evoluzione Europa”.



Lascia un commento